BDSM e Abuso, ecco le differenze

BDSM e Abuso, ecco le differenze

Condividi questo articolo:

BDSM e Abuso, vorrei approfondire l’argomento, dato che negli ultimi periodi ho ricevuto diverse richieste di delucidazioni su ciò che comporta essere sub, ma soprattutto se il BDSM non sia altro che un “abuso legalizzato”.

Quando le informazioni sono principalmente limitate a fonti esterne alla comunità BDSM (film, libri, notizie e materiale pornografico che possono fuorviare) potrebbe risultare difficile comprendere la differenza tra pratiche BDSM, consensuali e sicure, e “Abuso”.

Quindi, vi riporto alcune spiegazioni che, spero, siano lette, comprese ed, eventualmente, condivise sui Vostri social per ampliare la conoscenza di questo mondo.

BDSM e Abuso

Che cosa è esattamente il BDSM

Il BDSM è un termine generico, che sta ad indicare alcune pratiche, spesso combinate tra loro, come “schiavitù e disciplina“, “dominanza e sottomissione” e “sadismo e masochismo” che hanno tutte un filo comune, ovvero la consensualita’. C’è una pagina che ne parla e spiega, quindi non mi soffermo oltre su questa parte.

Il BDSM comunque comprende un’ampia varietà di giochi di ruolo e/o pratiche erotiche che coinvolgono uno o più individui adulti e consenzienti.

Alcune persone potrebbero portare il BDSM nella quotidianità e vivere questo stile di vita 24 ore su 24, 7 giorni su 7, mentre altre limitano tali pratiche solo in alcune particolari situazioni o nella camera da letto. Alcuni, utilizzano determinati comportamenti, tipicamente identificati come parte di uno stile di vita BDSM, quali il collare (mettere un collare al proprio partner come simbolo di appartenenza) o praticare il dominio e la sottomissione Sessuale e non, senza però identificarsi completamente con la cultura BDSM. Esistono molti sottogeneri di BDSM e gli individui possono scegliere di esercitarsi in varie modalità

 

Distinguere BDSM e Abuso

Ciò che viene spesso tralasciato dai media e nella rappresentazione della cultura del BDSM, è l’aspetto più importante di tutto ciò : il consenso. Quindi, per comprendere bene le dinamiche di una relazione di questo genere, bisogna avere la curiosità e la capacità di guardare “dietro le quinte”, di superare ciò che è immediatamente evidente, e cercare di capire veramente cosa sta succedendo.

Spesso vengono mostrate solo le parti provocatorie del BDSM, una strategia sicuramente progettata per mantenere alta la nostra attenzione, nello stesso modo in cui i film pornografici mostrano raramente l’utilizzo strumenti di protezione (preservativi). Quando i film o la TV ritraggono dette pratiche, spesso non vediamo il dialogo, definirei obbligatorio, sulle parole sicure, sulla quantità di preparativi per la sicurezza necessari, per attività come le legature con le corde o l’after care, dopo una sessione di intensa attività, in cui i partner si riconnettono al mondo reale, offrendo supporto emotivo e/o fisico l’uno all’altro.

BDSM e AbusoTroppo spesso ritraggono un modo inappropriato le relazioni BDSM e la disinformazione prevale, a causa della quantità di attenzione posta su queste false raffigurazioni di queste dinamiche.

Prendiamo, ad esempio, il romanzo e la serie di film “50 Sfumature di Grigio” . La pubblicazione del romanzo ha suscitato un grande interesse nella comunità BDSM in quanto la serie non descrive accuratamente questo mondo. Pertanto, molti consumatori del libro e/o del film vengono lasciati con una falsa rappresentazione di uno stile di vita, non conforme alla realtà .

Potrà interessarti anche questo articolo:  Le Donne e il Porno. La verità?

Christian Grey, il personaggio che interpreta il ruolo dominante nella serie, esibisce una serie di comportamenti offensivi condannati duramente dalla comunità BDSM. 

Ad esempio:

  • Christian attua lo stalking non consensuale e nella minaccia del personaggio femminile, Ana.
  • In una scena, non si ferma quando Ana dice “no” al sesso, ma continua. Non solo ignorare un partner che dice di no (a meno che questa non sia un’attività per la quale è stato ottenuto il consenso preliminare) vada contro la cultura BDSM, è anche uno stupro.
  • Un altro indicatore significativo di abuso nella serie è il contratto che Ana firma per volere di Christian, il quale afferma che non può parlare con nessuno di quello che succede tra lei e Christian. Se la loro relazione fosse basata sulla comunicazione e sul rispetto reciproco, come dovrebbero essere tutte le relazioni, non sarebbe necessario silenziare e isolare Ana. Molte persone che praticano il BDSM insieme hanno contratti scritti e/o verbali, ma in genere esistono solo per delineare limiti e pratiche rigorose a cui entrambi i partner hanno acconsentito.

Immagino che la scrittrice non abbia sicuramente fatto le adeguate indagini e ricerche nell’universo BDSM, come, secondo me, (e non solo per me), non abbia avuto esperienze serie con reali Master. Non fare una buona ricerca fornisce notizie non corrispondenti al vero. E questo, quando si parla di un mondo in cui la punizione fisica fa parte del gioco, è molto pericoloso.

Quindi, il BDSM consensuale va bene. Ma con l’ingenuità di Ana e la riluttanza di Christian nel guidarla correttamente (perché tenerla cieca rispetto ai suoi diritti gli permette di abusare di lei), non viene sicuramente ritratta una relazione sicura e consensuale. Invece, stiamo parlando di un tentativo di Total Power Exchange con il consenso manipolativo e coercitivo nella migliore delle ipotesi. Uno squilibrio di potere, che Ana (il cosiddetto “sub”o “slave”) rende molto chiaro, tanto che è infelice fin dall’inizio. E visto che questo ritratto è l’unico, che alcuni fan di 50SdG hanno potuto conoscere, sullo stile di vita BDSM, mette le donne alla ricerca del proprio Christian Grey aperto agli abusi, dando il via libera, così, a coloro che sono troppo felici di usare il BDSM come copertura. Da quando il film e i suoi sequel sono usciti, sia in libreria, ma soprattutto al cinema e in TV, la comunità BDSM ha mostrato molte preoccupazioni e ha assistito alla ricaduta delle donne nelle mani di falsi master, di dominanti abusivi, grazie a 50SdG che offre loro una prospettiva completamente distorta di ciò che comporta lo stile di vita.

BDSM e Abuso

BDSM e Abuso, ecco le reali differenze

Approfondiamo meglio quello che è la differenza tra BDSM e un abuso.

Ci si potrebbe interrogare sulla linea da seguire, tra una relazione abusiva e una relazione BDSM, poiché entrambi implicano ciò che possiamo considerare “abuso” in entrambe le forme, mentali e fisiche (colpire, legare, insultare, sminuire o controllare un’altra persona). Come accennato in precedenza, la differenza fondamentale qui è il consenso. In una sana relazione BDSM, c’è una comunicazione aperta tra i partner su ciò che vogliono, e un contratto che delinea ciò che è lecito e consentito, così come i limiti, da non superare.

Potrà interessarti anche questo articolo:  Naturismo e Sesso

I seguenti esempi forniscono ulteriori chiarimenti sulla comunicazione e il consenso:

  • Relazione abusiva: Lei gode dell’idea di soffocare Lui durante il rapporto sessuale. Senza prima mettere in discussione questo argomento e cercare il consenso di Lui, Lei inizia a soffocare Lui durante l’atto . Lui lotta per liberarsi ed è ferito e confuso. Quando viene affrontato l’argomento , Lei gli dice di “fare l’uomo”.
  • Relazione sana: Lei esprime al suo  Lui che vorrebbe essere frustata, con un frustino da cavallo. Lui obbliga Lei, ad una parola sicura, nel caso in cui si sentisse a disagio e desideri fermare l ‘attività.

1 – Il consenso differenzia il BDSM dall’abuso

Il consenso è il perno di tutte le attività BDSM ed è uno dei principali fattori che lo differenzia dall’abuso. In parole povere, il BDSM è consensuale. L’abuso non lo è.

2 – creare un copione e regole

Prima di ogni “scena” BDSM, i partecipanti esprimono e negoziano i propri gusti, desideri e limiti, il che significa che tutti coloro, che sono coinvolti nell’atto concordato, stabiliscono obiettivi specifici che determinano ciò che vogliono per uscire dalla sessione, sia emotivamente che fisicamente. Discutono anche di quelli che vengono definiti come “limiti hard e soft”. I limiti rigidi sono le cose in cui non ci si dovrebbe mai impegnare, mentre i soft limits sono cose che si potrebbero sperimentare se e quando il momento sembra giusto. Tutto ciò richiede una negoziazione più profonda prima di iniziare una sessione.

La negoziazione pre-scena può assumere molte forme. A volte i partecipanti scrivono un contratto che specifica cosa è permesso e proibito. Altri usano una semplice lista di controllo delle attività. Quindi discutono ogni articolo individualmente, indicando quale è un desiderio o un limite. Altri semplicemente hanno una conversazione approfondita sui loro confini.

3 – BDSM è sicuro, sano e consensuale

Le persone coinvolte nel BDSM usano la frase “sicuro, sano e consensuale” per descrivere il loro tipo di gioco sessuale. Qualsiasi gioco definito “kinky” ma che non incorpora gli elementi sicuri, sani e consensuali concordati, può essere molto scorretto e può essere un tentativo di abuso e, quindi, pericoloso.

  • Sicuro significa che i partecipanti hanno preso precauzioni per minimizzare i rischi, tutti. Significa anche che i partecipanti sono ben informati sulle tecniche e gli strumenti utilizzati, che possono eliminare sia la paura indesiderata che comportamenti pericolosi.
  • Sano indica che le persone coinvolte si trovano in uno stato che consente loro di separare la fantasia dalla realtà. Questo significa anche sobrietà; sensi e comportamenti non vengono compromessi dall’influenza di sostanze intossicanti (droghe o alcol). Infine, implica astenersi dall’imporre aspettative irrealistiche al proprio partner.
  • Consensuale significa che tutte le parti hanno discusso e concordato i confini. Altrettanto importante, il consenso deve essere in corso. In altre parole, se un individuo desidera cambiare idea su qualsiasi attività durante il gioco, può rinegoziare in qualsiasi momento.
Potrà interessarti anche questo articolo:  Le Spiagge naturiste in Italia

 

4 – La comunicazione è la chiave

Una comunicazione chiara è indispensabile per praticare un BDSM sano. Le Safewords sono una forma standard di sicurezza in questo tipo di gioco e un elemento importante che differenzia il BDSM dall’abuso. Una safeword è una parola o una frase che segnala che uno dei giocatori o desidera prendere una pausa o fermarsi completamente. Un esempio di safeword potrebbe essere “rosso”, “banana” o qualsiasi altra cosa che normalmente non si utiluzza durante il sesso o nel contesto di una scena. Inoltre, se un sottomesso è imbavagliato o l’udito di Dominant è compromesso, è possibile utilizzare invece segnali sicuri. Questo potrebbe essere un gesto o qualcosa che il Sottomesso tiene in mano che segnalano il desiderio di mettere in pausa la scena.

5 – Differenze importanti tra abuso e BDSM

BDSM e Abuso

Il gioco vizioso può comportare cose come punizione, umiliazione e persino lacrime. Questo può sembrare un abuso per un estraneo, rendendo comprensibilmente difficile distinguere tra i due. Tuttavia, se confrontati, possiamo vedere le differenze nette.

Gli episodi abusivi sono situazioni fuori controllo. Nel BDSM sano, un Dominante non agisce mai spontaneamente per rabbia. Le scene sono pianificate con cura e con il massimo interesse del Sottomesso.

Le situazioni abusive di solito finiscono con le emozioni negative. Una scena BDSM è progettata per lasciare i partecipanti a sentirsi bene e soddisfatti quando è finita. È responsabilità di un Dominante dare  cura dopo la fine della sessione per assicurarsi che il Sottomesso si senta felice, sicuro e protetto. Al contrario, sia il bersaglio che l’aggressore si sentono tristi, arrabbiati o vergognosi a seguito di un episodio violento.

Le situazioni abusive sono spesso accompagnate da abuso di sostanze o disturbi emotivi. Nel sano BDSM, i giocatori cercano di minimizzare tutto ciò che può influenzare il loro giudizio durante il gioco, incluso l’uso di droghe o alcol.

 

6 – Abuso in BDSM

Sebbene gli studi abbiano scoperto che le persone coinvolte nel BDSM hanno meno probabilità di tollerare certi tipi di abuso, possono comunque accadere. Le bandiere rosse abusive in una relazione o scena BDSM sono molto simili a quelle che si trovano in altri tipi di relazioni. Alcuni comportamenti di avvertimento includono:

  • ignorando i confini sessualità e non
  • abuso verbale o fisico non consensuale / non negoziato
  • comportamento di controllo, compresa l’eccessiva gelosia
  • sbalzi d’umore estremi imprevedibili
  • abuso di sostanze
  • uso di ultimatum e paura di controllare la vittima
  • isolare la vittima da familiari e amici
  • una storia di comportamento violento con contatti stretti

Se riconosci questi o altri segni di abuso nei tuoi incontri BDSM, chiedi aiuto esterno. Se l’abuso si verifica in un evento BDSM pubblico, cerca un Designated o Dungeon Monitor (Individui organizzatori o addetti alla sicurezza).

Per giocare in privato con un nuovo partner, stabilisci sempre una chiamata sicura con un amico e informalo di tutti gli spistamenti. Inoltre, non è insolito per chi è attivamente coinvolto nella comunità BDSM chiedere referenze da partner precedenti.

Per qualsiasi ulteriore informazione, chiarimenti o consulto, Contattami senza impegno.

Condividi questo articolo:

Posted on: 17 novembre 2018Massimilian Sterling

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *