punizioni

Il Narcisista e la generosità che ammalia

Fanno donazioni, agli amici, vicini, colleghi, alle istituzioni religiose, alla comunità. La generosità del Narcisista stupisce a volte ma per lo più ammalia, circuisce e collude. Ma perchè? Per quale  motivo elargiscono tanta benevolenza?

narcisista, manipolatore, compulsivo

Nel Narcisista l’atto di dare esalta il senso di onnipotenza, la sua grandiosità fantastica e il disprezzo che nutre per gli altri. È facile sentirsi superiori ai supplicanti destinatari della propria generosità. L’altruismo narcisistico riguarda l’esercitare il controllo e il mantenerlo favorendo la dipendenza dai beneficiari.

Ma il narcisista da senza mai essere appagato.

Il narcisista ostenta la sua natura caritatevole come esca. Impressiona gli altri con il suo altruismo e la sua gentilezza e li attira così nella sua tana, li intrappola e li manipola e li sottopone al lavaggio del cervello in ossequiosa sottomissione e ossequiosa collaborazione. Le persone sono attratte dalla postura più grande della vita del narcisista è il credo del narcisista.
Ciò non impedisce al narcisista di assumere il ruolo della vittima sfruttata. I narcisisti si lamentano sempre che la vita e le persone sono ingiuste verso di loro e che investono molto più di ciò che ricevono. Il narcisista sente di essere l’agnello sacrificale, il capro espiatorio e che le sue relazioni sono asimmetriche e squilibrate. Di fronte a tale percezione di ingiustizia – e una volta che la relazione è conclusa e la vittima è “agganciata” – il narcisista cerca di minimizzare i suoi contributi, adempiendo in maniera “centellinata” alla relazione come un compito di manutenzione contrattuale, come un contratto ormai stipulato il cui prezzo è la spiacevole e inevitabile conseguenza che deve pagare per il suo mantenimento della conquista.
Dopo molti anni di sentirsi privati ​​e ingiuriati, alcuni narcisisti cadono in “generosità sadica” o “altruismo sadico”. Usano il loro dare come arma per schernire e tormentare i bisognosi e umiliarli. Nel pensiero distorto del narcisista, la donazione di denaro gli dà il diritto e la licenza di ferire, castigare, criticare e rimproverare il destinatario. La sua generosità lo eleva a un più alto livello morale.
La maggior parte dei narcisisti limita la loro donazione a denaro e beni materiali. La loro munificenza è un meccanismo di difesa abusivo, inteso a evitare la vera intimità. La loro carità rende tutte le loro relazioni come un business, strutturato, limitato, minimale, non emotivo, non ambiguo e non ambivalente. Distribuendo generosamente, il narcisista “sa dove si trova” e non si sente minacciato da richieste di impegno, investimento emotivo, empatia o intimità.
Nella terra desolata della vita del narcisista, anche la sua benevolenza è dispettosa, sadica, punitiva e distaccante.

Sono così i donatori compulsivi

narcisista manipolatore
Contro tutte le apparenze, il donatore compulsivo è una persona altruista, empatica e premurosa. In realtà, lui o lei è un codipendente del piacere altrui. Il donatore compulsivo è intrappolato in una narrazione della sua stessa confabulazione. La sua convinzione che chiunque abbia bisogno di lui, perché poveri, giovani, inesperti, privi di intelligenza o di bell’aspetto e si ritengono inferiori a lui, lo esalta e sente che il donare, Il dare compulsivo, appaga il suo narcisismo. Tutto porta alla diagnosi di un narcisismo patologico.
In realtà, è il donatore compulsivo che costringe, blocca e tenta le persone intorno a lui per avvalersi dei suoi servizi o denaro. Si impone ai destinatari della sua generosità ostentata e ai beneficiari della sua generosità o magnanimità. Non è in grado di negare a nessuno i loro desideri o richieste, anche quando questi non sono espliciti o espressi e sono semplici parvenze della sua stessa necessità e dell’immaginazione grandiosa.
Inevitabilmente, sviluppa aspettative non realistiche. Sente che le persone dovrebbero essere immensamente grati a lui e che la loro gratitudine dovrebbe tradursi in una sorta di ossequiosità. Internamente, egli ribolle e infuria contro la mancanza di reciprocità che percepisce nei suoi rapporti con familiari, amici e colleghi. Ingiustamente rimprovera tutti quelli che lo circondano per essere così poco generoso. Al donatore compulsivo, dare è percepito come sacrificio e prendere è sfruttamento. Così, dà senza grazia e non c’è da stupirsi che sia sempre frustrato e spesso aggressivo.

Le responsabilità non sono mai del Narcisista

Il donatore compulsivo ha difese che tendono a modificare se stesso o i fattori esterni. Ciò significa semplicemente che si basa su input da parte di persone che lo circondano per regolare il suo fluttuante senso di autostima, la sua precaria autostima e il suo umore sempre mutevole. Significa anche che incolpa il mondo per i suoi fallimenti, si sente imprigionato in un universo ostile e mistificante, completamente incapace di influenzare eventi, circostanze e risultati. Evita così di assumersi la responsabilità delle conseguenze delle sue azioni.
Tuttavia, è importante rendersi conto che il donatore compulsivo nutre e assapora il suo vittimismo auto-conferito e alimenta i suoi rancori mantenendo una meticolosa contabilità di tutto ciò che dà e riceve. Questa operazione mentale di contabilità masochista è un processo nascosto di cui il donatore compulsivo a volte non è a conoscenza. È probabile che neghi con veemenza tale meschinità e ristrettezza mentale.
Il donatore compulsivo è un artista dell’identificazione proiettiva. Manipola il suo più vicino nel comportarsi esattamente nel modo in cui si aspetta che lo facciano. Continua a mentire a loro e dicendo loro che l’atto di dare è l’unica ricompensa che cerca. Nel frattempo, segretamente desidera la reciprocità. Rifiuta qualsiasi tentativo di derubarlo del suo status di sacrificio. Non accetterà regali o denaro e eviterà di essere il destinatario o il beneficiario di aiuto o complimenti. Questo falso ascetismo e falsa modestia sono semplici esche. Li usa per dimostrare a se stesso che i suoi più cari e i più cari sono ingrati. “Se volevano (dammi un regalo o aiutarmi), avrebbero insistito” – fa un sussulto trionfante, le sue peggiori paure e sospetti confermate ancora una volta.
A poco a poco, le persone si adeguano. Cominciano a sentire di essere coloro che fanno il donatore compulsivo un favore soccombendo alla sua infinita e arrogante carità. “Cosa possiamo fare?” – sospirano – “Significa tanto per lui e ci ha messo così tanto impegno! Non potevo dire di no.” I ruoli sono invertiti e tutti sono contenti: i beneficiari beneficiano e il donatore compulsivo continua a sentire che il mondo è ingiusto e le persone sono sfruttatori incentrati su se stessi. Come sospettava sempre.

Avete a che fare con un o una Narcisista?

Spesso non ci rendiamo conto, ma potremmo vivere davvero già una realtà con un o una narcisista. In una relazione di coppia il Narcisista ha comportamenti tali per sopraffare e gestire il partner. Tali relazioni diventano tossiche, cioè relazioni dove si provocano danni al partner, compromettendone i valori interiori reciproci. Avevamo trattato su un articolo proprio di questo tipo di relazione.

Alcuni punti per capire se abbiamo a che fare con un narcisista:

  • Con i loro atti di falsa o interessata bontà, difendono sempre una posizione di potere.
  • Talvolta mettono in pratica una forma di aiuto quasi compulsiva, con il fine di curare e lucidare il proprio “ideale di io”.
  • Cercano di darci a intendere che, se non fosse per loro, non potremmoi sopravvivere o risolvere i nostri problemi.
  • Non possiamo dimenticare che sono grandi manipolatori. Ricattano e manipolano l’“aiutato”, fino a rinchiuderlo in vere e proprie trappole emotive.

Se non lo hai già fatto, leggi l’articolo e scopri se ne sei dentro una relazione tossica accanto a un Narcisista. Leggi e rifletti sulle dinamiche e per prendere in considerazione ciò che puoi e non puoi fare, ciò ti permetterà di liberarti dal loro controllo e di prendere in carico la tua risposta emotiva, in modo che la tua mente e il tuo corpo può ristabilire l’equilibrio e iniziare la guarigione dalla relazione tossica.

il narcisista in una relazione tossica

Secretary

Secretary è un Film del 2002, Commedia insolita, briosa e paradossale su un amore molto particolare. Per chi non lo avesse visto ecco la trama e un opinione sul film.

Lee Holloway è appena ritornata a casa da una clinica psichiatrica dopo essere stata ricoverata per autolesionismo. Determinata a volersi guadagnare un posto nella società, impara a battere a macchina e viene assunta come segretaria nello studio dell’avvocato E. Edward Grey. Una particolare sensibilità lega i due, prima professionalmente, poi personalmente. Contemporaneamente la ragazza intreccia una relazione con il timido Peter, ex compagno di liceo intenzionato a creare una famiglia.

Nel film vengono affrontati temi come la dominazione, la sottomissione e il BDSM. A questa aspirazione naturale di Lee ad (auto)infliggersi dolore si sostituirà la scoperta di un nuovo mondo, e la ragazza diventerà il ritratto della consapevolezza sessuale, formando, infine, una felice relazione con Mr. Grey.”

Il Film Secretary mi piace, moltissimo. Se avete notato l’avvocato di Secretary si chiama Mr Grey, ma lui è l’originale e non ha niente a che vedere con l’altro giovinastro presuntuoso e stalker di “50 Sfumature di Grigio”. La scrittrice ha copiato, chissà poi perchè (anche se presumo che non l’abbia mai visto Secretary, solo un banale gioco di parole per il titolo del libro)

In Secretary è molto bello come nasce la loro relazione di Master & Slave, sono scossi e stupiti, ma hanno una forte consapevolezza che tale dimensione farà bene, è giusta per loro. Non c’è esuberanza e strafottenza da parte di Mr Grey, ne assolutamente un autocompiacimento, un suo ruolo scelto perchè lo conosce e sfrutta la Holloway per i suoi vizi. Niente affatto, sa che ciò che fa servirà a lei per uscure da quell’universo di autolesionismo dove ha sempre vissuto. Il BDSM a parere mio è vivo e presente ma mai estremo, solo la parte finale è più spinta, ma è dovuta.

In fondo non è altro che una storia d’amore assolutamente tradizionale, dolce e perversa allo stesso modo, lei che ha bisogno di essere coinvolta, trascinata via da un problema, dominata e rassicurata sulla sua sorte. Lui, in fuga da una ex moglie dominante, trova la piccola Lee, dolce e persa, bisognosa delle attenzioni che lui potrà darle sfogando la sua natura di dominante.

Ben fatto, splendidi gli attori, da vedere e dimenticarsi delle storie d’amore convenzionali che abbiamo fino ad oggi visto al cinema.

 

 

Master, il suo ruolo con la Slave

Un Master è un dominante maschile della comunità BDSM. L’errore comune è considerare che i Master esercitino un controllo finale sulle loro schiave (Slave) fino a considerarle non come persone ma come oggetti posseduti da loro stessi.

Un Master BDSM è un Dominante

In realtà le vere relazioni tra Master e Slave nella comunità BDSM sono simili ai matrimoni tradizionali. Queste relazioni sono spesso a lungo termine e tutte le parti entrano in queste relazioni in modo disciplinato. Il collare che spesso vediamo può essere usato come simbolo dell’impegno di una Slave al loro Master, consideriamolo simile all’anello di nozze.

Anche se i termini utilizzati per descrivere questi ruoli – Master e Slave – li fanno suonare come che qualcuno sia stato costretto a compiere una scelta e a subirla, questo non è assolutamente vero. le/gli Slave sono adulti consensuali che fanno la scelta di legarsi ai loro Master, in cambio, i loro Master sono responsabili della loro sicurezza, salute fisica e mentale. I termini e i limiti di una relazione di padrone e schiava/o sono solitamente solidificati con un contratto formale, dove ambedue le parti approvano gli impegni e li porteranno avanti. Nel contratto sono riportate tutte le forme e clausole in maniera seria e per niente banale.

 

master BDSM dona un collare come segno di appartenenza

La formazione dello Slave è un’attività BDSM volta a cambiare il comportamento dell’individuo in un modo che sia gradito al Master. La formazione dello Slave può essere un processo di apprendimento sia per egli stesso, sia per il Master. La formazione è di solito definita in passi chiari o piani di lezione prima che essa inizi.  A seconda del rapporto, uno o più piani di lezione possono anche coinvolgere alcune forme di punizioni come disagio psicologico o emotivo per creare il risultato spiacevole che la pena richiede. Altre volte tali punizioni possono includere l’uso di spanking, restrizioni fisiche o bloccaggio per incoraggiare la conformità e fornire allo schiavo un motivo specifico da rispettare.

 

 
[AdSense-A]